Stampa

 

COMUNICATO STAMPA

 

NON Si TOCCA LA FAMIGLIA Scuola- Inaccettabile la nuova formula che vuole in classe gli studenti senza mascherine, solo se tutti vaccinati.

 

Il Ministro Speranza, ipotizza alunni senza mascherine in classe nel caso siano tutti vaccinati, una forma di ricatto, visto che la pena è quella di essere additati come causa di mancata libertà per tutti.

L'inesistenza di un protocollo per i più piccoli e per ragazzi pone un ennesimo dubbio che continua a tenere sotto terrore psicologico, famiglie e alunni, a pochi giorni dal rientro in classe.

Lo afferma Giusy D'amico presidente dell'associazione, che sottolinea come questo atteggiamento, di continui proclami, spesso senza condivisione con le parti coinvolte sul piano nazionale, che lavorano per garantire un clima sereno agli gli otto milioni di studenti italiani, non solo non aiuta, ma alimenta nuove incertezze, con il grave rischio di violazione della privacy.

Il sottosegretario all'istruzione Rossano Sasso, ha appena comunicato con un post la preoccupazione e il rischio discriminazioni tra alunni, segnalando che come educatore e come padre, la questione è di estrema delicatezza.

Si eviti qualunque forma di provvedimento come quello ipotizzato dal ministro Speranza e si concentri l'attenzione sulle vere necessità vitali alla ripartenza, che ad oggi permangono in relazione a trasporti, aule e tamponi salivari non ancora gratuiti, e finalizzati al tracciamento, per evitare inutili quarantene.

Roma 3 Settembre 2021

                                                           L’Ass.ne Non Si Tocca La Famiglia
                                                                       Ufficio Stampa